Albo Pretorio on line

Albo Pretorio on line

AUTOCERTIFICAZIONE ONLINE

Autocertificazione online

Trasparenza

Trasparenza valutazione e merito

Amministrazione Aperta

Amministrazione Aperta

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Progetto ALI

Progetto ALI

Posta Elettronica Certificata

PEC

Gli indirizzi PEC del Comune

Calcolo IMU

Calcolo IMU

SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive

Area Riservata SUAP

Area Riservata SUAP

Fotogallery

    marina di Mandatoriccio

RSS di Ultima Ora - ANSA.it

GAL Sila Greca

GAL Sila Greca

Terre Jonicosilane

Terre Jonicosilane

Benvenuti nel sito del Comune di Mandatoriccio

Mandatoriccio si è formata negli ultimi decenni del Seicento. A metà del secolo successivo, il Sindaco dell’universitas di Mandatoriccio (Iuliano) attesta come essa si stava formando sul territorio di Pietrapaola. I sismi del 1638 e 1783 in Calabria Citra furono spaventosi tanto da cambiarne l’orografia e costringere le popolazioni errame e spaturnate a cercare nuovi pascoli e nuove terre da coltivare. Il fenomeno era accentuato inoltre dall’arroganza e protervia dei feudatari, i quali scorticavano gli individui a tal punto che i genitori preferivano che le loro figlie morissero anzitempo e non che cadessero nelle loro mani. Scomparivano allora antichi villaggi e se ne formavano di nuovi. Tra questi ultimi, verso la fine del ‘500 appariva Mandatoriccio, così nomata dal suo feudatario Teodoro Mandatoriccio, il cui patrimonio feudale si estendeva dal Trionto al nostro territorio. La comunità mandatoriccese si formava sul territorio della Baronia di Pietrapaola e sui possedimenti del Monastero di Sant’Angelo, di epoca normanna e ormai in via di estinzione. Il villaggio ha continuato a formarsi per tutto il Settecento, ingrossato via via dalle genti che scampavano dai pericoli della marina (pirateria musulmana) e da quelle delle aree montane più alte che cercavano terreni pianeggianti. Per molto tempo, Mandatoriccio è stata percorsa dalle vie della transumanza, ovvero dagli armenti e dalle greggi che, di primavera, si dirigevano verso il pianoro della Sila, e, d’autunno, verso la marina. I luoghi di sosta si individuano nell’attuale Piazza Garibaldi, dietro la Chiesa dell’Addolorata, e in Via Santa Maria delle Grazie, esattamente nella struttura di proprietà Donnici. Oltre che a rifocillarvisi, i mandriani ed i pastori vi venivano in cerca delle belle donne, belle e naticute (Cfr. V. Padula, 1972). Subito dopo il terremoto del 1783,  Giuseppe Maria Galanti faceva per conto del governo di Napoli una ricognizione del territorio e menzionava ritenendoli degni di nota, per il suo stile spagnolesco, il Castello, “con ponte levatoio e quattro bastioni”, nonché la Chiesa Madre, la cui architettura ripete lo stile napoletano della Chiesa di San Francesco. Nel primo decennio dell’Ottocento, Mandatoriccio si segnalava per il suo contributo alla causa della libertà e per esprimere notevoli personalità nel Decurionato di Rossano (Suriaci o Turiaci). A metà del XIX secolo,  una squadra di Mandatoriccesi guidata dal farmacista Leonardo Chiarello raggiunse i Mille di Garibaldi a Soveria e lo seguì sino a Napoli. Di notevole entità fu il brigantaggio, con le bande di Salvatore Grande e di Leonardo Sanfelice, le quali facevano parte, il primo, di Curemme e, il secondo, del longobucchese Palma. Il Novecento è stato il secolo delle grandi emigrazioni transoceaniche e, poi, di quelle verso il centro Europa e il nostro Settentrione. Il resto è attualità... Lo storico prof. Ernesto Ascolillo.

Comune di Mandatoriccio

P. IVA 01959080787

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.741 secondi
Powered by Asmenet Calabria